arredare ingresso di casa

Come arredare l’ingresso di casa

L’ingresso è quello spazio della casa che non sempre (anzi quasi mai) ha una “funzione” ben precisa. Uno spazio di transizione che introduce ai “veri” spazi della casa e che spesso, proprio a causa di questi preconcetti, viene trascurato, lasciato vuoto o quasi per nulla considerato nella progettazione degli interni della casa.

In realtà, a pensarci bene però, l’ingresso della casa è il primissimo spazio con cui si entra in contatto, quello in cui si accolgono gli ospiti, la “finestra” sul resto della casa che anticipa ciò che si potrà vedere dopo e che invita ad entrare per vivere il resto della casa. 

Ecco quindi che, descrivendolo così, l’ingresso della casa acquisisce tutt’altra importanza, con un ruolo ben preciso: quello di accogliere, appunto, di colpire l’ospite sin dal primo momento e di dare un assaggio dello stile della casa.

Se la casa è un film che può essere di vario genere e con uno stile ben preciso, l’ingresso della casa è il trailer che incuriosisce e invita lo spettatore a scoprire tutto il resto, dando qualche anticipazione e, allo stesso tempo, impostando il tono e lo stile. 

L’ingresso della casa è dunque uno spazio estremamente importante e dovrebbe sempre essere pensato e progettato accuratamente, al pari di tutte le altre stanze della casa. È altrettanto vero però, che proprio per la sua natura e per gli spazi che solitamente lo caratterizzano è forse uno dei locali più difficili e complessi da progettare. 

Abbiamo quindi pensato di scrivere una breve guida per arredare l’ingresso della casa con stile, partendo da 3 caratteristiche fondamentali che ogni ingresso dovrebbe avere, 3 consigli per arredare l’ingresso in modo ottimale e, per finire, 5 errori da evitare.

Arredare l’ingresso: 3 caratteristiche essenziali

Partiamo dalle basi, ovvero da come dovrebbe essere un ingresso progettato con cura. 

In parte, abbiamo già anticipato il “ruolo” dell’ingresso nel design della casa e ovviamente ogni ingresso deve essere progettato in relazione agli spazi disponibili e allo stile della casa. Tuttavia, possiamo dire a livello generale che l’ingresso dovrebbe sempre avere 3 caratteristiche: essere funzionale, essere curato (e quindi non sembrare trascurato o “vuoto”) e, infine, risultare coerente con lo stile del resto della casa.

In questo modo, potremo avere un ingresso che offre un senso di accoglienza e comodità, introducendo al resto della casa. L’armonia e la coerenza di stile diventa quindi fondamentale per evitare di creare uno stacco troppo forte tra design della casa e arredo dell’ingresso che rischia di far perdere il vero senso di questo spazio. 

Come arredare l’ingresso della casa, quindi? 

I 3 consigli per arredare l’ingresso della casa

Gli ingressi possono essere anche molto diversi, ampi spazi o spazi ridotti, open space o corridoio… Abbiamo quindi pensato a 3 consigli che possono aiutarti a scegliere in modo giusto come progettare l’ingresso di casa, facendo attenzione ad alcuni aspetti chiave. 

1. La luce

Non è mai bello quando, a primo impatto, una casa ci sembra particolarmente buia o non illuminata adeguatamente e solitamente l’ingresso di casa è probabile non goda di luce naturale. È quindi importantissimo studiare attentamente l’illuminazione, che sia attraverso faretti o un lampadario, per creare un ingresso luminoso e accogliente. 

Attenzione però ad esagerare, perché altrimenti il resto della casa potrebbe risultare spento rispetto ad un ingresso troppo illuminato. 

2. Dai il giusto respiro

Se non è bello essere accolti da un ingresso poco illuminato, allo stesso modo anche uno spazio troppo ristretto ed esageratamente ricco di arredi rischia di risultare poco accogliente, fino a sembrare quasi claustrofobico. 

È fondamentale tenere sempre in considerazione lo spazio a disposizione e dare sempre respiro all’ingresso, con pochi elementi ma studiati appositamente per non dare un senso di vuoto o di non curato.

Ovviamente saranno anche le dimensioni dell’ingresso stesso a guidarti su quanti e quali arredi aggiungere. 

3. Non dimenticare la funzionalità

Forse l’ingresso della casa non avrà una “funzione” tanto precisa come la cucina, il bagno o la camera da letto, ma la funzionalità dovrebbe comunque essere una caratteristica essenziale di questo spazio. 

Un appendiabiti, un portaoggetti, un portaombrelli, ogni oggetto dell’ingresso dovrebbe essere pensato per rendere questo spazio accogliente e pratico per tutte quelle azioni quasi automatiche che facciamo ogni volta che entriamo in casa. 

5 errori da evitare per l’ingresso della casa

Infine, ecco una breve lista con i 5 errori che si dovrebbe sempre cercare di evitare per arredare l’ingresso della casa in modo ottimale: 

– Creare uno stacco troppo forte tra illuminazione dell’ingresso e il resto della casa

– Riempire troppo l’ingresso di arredi e oggetti, soffocando troppo gli spazi

– Adottare uno stile per l’ingresso completamente differente dal resto della casa

– Dimenticare la funzionalità e la comodità nella scelta degli arredi

– Lasciare l’ingresso senza arredi come un semplice spazio vuoto prima del soggiorno. 

Come si presenta il tuo ingresso? Cosa ti piace e cosa ti piacerebbe variare?

Richiedi una consulenza senza impegno

    Credits webit.it